Budapest 11 ottobre 2017

 

 Caro Socio,

Caro Amico,

 

mi sembra doveroso presentarmi specie a chi ancora non mi conosce: sono il nuovo Presidente CCIU da pochi giorni e cioè dal 26 settembre u.s.

Con questa breve lettera desidero creare subito un “canale di comunicazione diretto” tra noi  in quanto solo comunicando e conoscendoci tutti al meglio possiamo contribuire alla reciproca crescita.

Come a conoscenza di alcuni di voi, sono in Camera di Commercio da tre anni ricoprendo praticamente tutti i ruoli direttivi: Consigliere, Tesoriere, Vicepresidente, Segretario Generale e ora Presidente; posso pertanto garantirvi una profonda conoscenza dei meccanismi camerali e quindi delle priorità Camerali che mi sono posto come nuovo Presidente: fornire al socio una concreta utilità di sviluppo dei propri affari grazie all’Associazione in CCIU!

 

La realizzazione di tale obiettivo passa attraverso queste cinque linee guida:

  1. Spingere l’informazione continua e reciproca ai Soci e tra i Soci; il nuovo sito web rappresenta una buona base di partenza e farò di tutto per stimolarne la consultazione, così come verranno realizzate molte altre modalità di comunicazione innovative ed efficaci sulle quali stiamo già lavorando;
  2. Sviluppare tutte le iniziative di networking, in parte già sperimentate con successo: l’aperitime mensile, occasione informale e molto efficace; le cene del clubbino, riservate a 8-10 operatori selezionati per settore; workshop tematici con rappresentanti governativi; gli speed business meeting, incontri multisettore tra piccole e medie imprese eccetera.
  3. Incrementare fortemente la presenza sul territorio (ungherese ed italiano) per offrire assistenza e opportunità anche alle aziende situate lontano da Budapest: Italian info point presso le più importanti Camere di Commercio ungheresi regionali;  Punti di assistenza territoriale affidati a soci motivati e di alto spessore professionale; Italian business day, organizzati nelle principali città ungheresi per la prima volta nella storia in collaborazione con l’intero Sistema Italia; incontri B2B tra operatori italiani ed aziende ungheresi/italoungheresi sul territorio.
  4. Aumentare e pubblicizzare adeguatamente i servizi erogati: interpretariato, assistenza commerciale, uffici temporanei, ricerca partner, assistenza bandi europei e molto altro.
  5. Collaborare in modo continuo e proattivo con tutte le Istituzioni del Sistema Italia: Ambasciata, ICE/ITA e Istituto Italiano di Cultura hanno già sperimentato la nostra disponibilità e sono convinti anche loro che l’unione fa la forza.

  

Proprio questa unione rappresenta il motivo ispiratore della Camera di Commercio Italiana per l’Ungheria al cui motto io credo fortemente e al quale avrete motivo (con i fatti)  di crederci sempre di più: insieme per crescere!

 Grazie, cari Soci, cari amici per l’attenzione e soprattutto grazie per la collaborazione e per la partecipazione a questa nuova CCIU alla cui rinascita ha tanto contribuito il Presidente Martignago al quale va il mio personale ringraziamento per il lavoro svolto con determinazione e competenza.

 Buon lavoro al nuovo Consiglio Direttivo, composto di persone capaci, al Tesoriere Renato Fava che ha dato prova di grande competenza e disponibilità nella precedente gestione e ai due nuovi Vicepresidenti da voi tutti ben conosciuti ed apprezzati: Ferdinando Martignago e Alessandro Balli.

 

 Sinceramente Vostro,

 Francesco Maria Mari