Il 30 maggio 2018 si è svolta la conferenza stampa che annuncia la quarta edizione del Festival Italiano presso l’elegante ristorante Akademia Italia; il programma prevede tante iniziative dal 30 maggio al 16 giugno.

Il Festival Italiano è coordinato dall’ICE-ITA con il contributo dell’Ambasciata d’Italia a Budapest, dell’Istituto di Cultura italiano e della Camera di Commercio Italiana per l’Ungheria.

La conferenza stampa diretta dal Direttore dell’ICE Marco Bulf ha riscosso grande interesse dei numerosi giornalisti presenti ed ha visto gli interventi ricchi di contenuto, dei Rappresentanti delle Istituzioni coinvolte e che qui di seguito sintetizziamo:
L’Ambasciatore S.E. Massimo Rustico ha esordito tranquillizzando l’audience sulla situazione politico-istituzionale italiana e ricordando subito dopo come l’export italiano presenti numeri in continua crescita. Lo straordinario dinamismo della Piccola e Media impresa italiana porta i suoi effetti che è doveroso ricordare: l’Italia è la seconda industria manifatturiera d’Europa dopo la Germania e prima di Paesi come Inghilterra e Francia. E’ assai probabile che gli oltre 9 miliardi di euro espressi nel 2017 superino i 10 miliardi nel 2018, con una crescita nei rapporti Italia-Ungheria che non ha precedenti.
L’Italia è leader, ricorda S.E. Rustico, non solo sull’agroalimentare che tutti conoscono, ma su un settore ad alta specializzazione e che fa invidia a tante economie mondiali, e cioè l’automation (vedi video), dove la creatività italiana si fonde con la professionalità e l’imprenditorialità!
La sfida dell’Italia è quella di aumentare ulteriormente le esportazioni, ed in questo senso la nostra Ambasciata non risparmia energie ed importanti iniziative. Dopo il grande successo del primo Business Forum Italia-Ungheria, l’Ambasciatore ha annunciato una missione dell’Associazione Nazionale Costruttori in autunno per proporre le nostre imprese al mercato ungherese, difficile ma ricco di prospettive.
Un’Italia sempre più presente e amica che festeggia il 72° anniversario della Repubblica con una festa che dimostra in modo esemplare l’eccezionale ospitalità italiana.

Marco Bulf, Direttore dell’ICE/ITA, ha sottolineato la crescente importanza dell’Italia sul territorio ungherese, menzionando la dinamica dell’interscambio tra Italia ed Ungheria: primo fra tutti ha sottolineato il dato record che vede un incremento del 33% nell’interscambio commerciale tra Italia ed Ungheria, passando da 7,5 miliardi nel 2014 a 9,5 miliardi dello scorso anno, che ancora una volta conferma l’importanza delle “4A” sul territorio ungherese: Automazione, Agroalimentare, Abbigliamento ed Arredamento. I dati forniti dal direttore sono entusiasmanti e citiamo a titolo di esempio i 660.000 contatti Facebook, le oltre 100 aziende che hann aderito al Festival Italiano e i numerosissimi premi messi a disposizione dai prestigiosi sponsor tra i quali Maserati, Alitalia, Vespa, Delonghi, Fiat, Motor Line, Akademia Italia e ITL Group.
Con l’occasione il Dottor Bulf ha distribuito il report Ungheria aggiornato ad Aprile 2018.

Francesco Maria Mari, Presidente della Camera di Commercio Italiana per l’Ungheria, ha esordito sottolineando che l’Italian Festival rappresenta un esempio di eccellenza nel Sistema Italia in Ungheria, dove ciascuna Istituzione, sotto il sapiente coordinamento dell’ITA, contribuisce al successo italiano in Ungheria.
Il riconosciuto contributo della CCIU e l’attenzione verso i territori fuori Budapest ed un rapporto privilegiato con il tessuto economico locale che per la prima volta riceverà da CCIU un costante aggiornamento sulle attività del Festival Italiano.
Mari ha inoltre presentato l’iniziativa delle “Giornate Italiane al Mercato Coperto del 12, 13 e 14 giugno nella quale espositori enogastronomici italiani presenteranno i loro prodotti per tre giorni nella suggestiva location del Mercato Coperto di Fővám tér, l’Aperitime italiano del 13 giugno presso la Bottega del Vino a Budapest e la giornata che vede l’Italia come ospite d’onore al XVIII Business Golf Championship del 16 giugno.

Intervento del Presidente CCIU Francesco Maria Mari

Gian Luca Borghese, Direttore dell’Istituto Italiano di Cultura ha infine presentato i programmi organizzati dall’Istituto in occasione del festival. Molti degli eventi organizzati, sono dedicati all’incontro tra cultura e imprenditoria e sono stati pensati per dare visibilità al patrimonio culturale ed imprenditoriale italiano nei settori della gastronomia, cinema, spettacolo ed artigianato, con un particolare focus sulla Regione Sardegna.

Tra questi l’incontro previsto per il 5 giugno “Sardegna: un mare di emozioni” ha l’obiettivo di presentare la Regione Sardegna nei suoi vari aspetti, turistico, culturale ed enogastronomico. A quest’ultimo seguirà il concerto delle Actores Alidos “A cappella” del 6 giugno. Infine l’incontro del 14 giugno sulle “Sfide dell’artigianato tra tradizione, mercato ed innovazione”.
Il programma e i numerosi incontri previsti nel corso dell’intero festival possono essere consultati al seguente sito dedicato all’evento http://www.italianfestival.eu/index.php?lang=hu

Insieme per crescere!

Per ulteriori informazioni contattare:

eventi@cciu.com