Camera di Commercio Italiana a Budapest

La nostra Storia

La Camera di Commercio Italiana per l’Ungheria (CCIU), associazione privata fondata a Budapest nel 1992 e riconosciuta dal Governo Italiano nel settembre 1998, conta circa 200 soci e costituisce il luogo di incontro, integrazione e sviluppo della comunità imprenditoriale italo-ungherese.

La CCIU è costituita in forma di associazione senza finalità di lucro ed ha la propria sede a Budapest. Essa aderisce all’associazione delle Camere di Commercio Italiane all’Estero o, in forma abbreviata, Assocamerestero. L’assemblea generale dei soci è l’organo supremo dell’associazione ed è convocata dal Presidente della CCIU almeno una volta all’anno.

Il Consiglio Direttivo costituisce l’organo di governo della CCIU ed è composto da undici Consiglieri eletti per un periodo di tre anni.

La CCIU coopera con l’Ambasciata Italiana in Ungheria, l’Istituto per il Commercio Estero e con il sistema istituzionale italiano presente in Ungheria al fine di sviluppare i rapporti economici e commerciali tra Italia e Ungheria.
Una delle principali attività della Camera di Commercio Italiana per l’Ungheria è lo studio e l’interazione con le autorità competenti italiane ed ungheresi, al fine della comune elaborazione di provvedimenti ritenuti utili all’incremento dell’interscambio fra i due Paesi.

Ciò permette alla CCIU di dare il proprio supporto agli imprenditori ed ai professionisti che cercano potenziali partner commerciali in Ungheria ed in Italia offrendo consulenza legale e contabile attraverso la rete dei nostri associati.

L’Ungheria, dalla seconda metà del 2013, registra una crescita del PIL vicina al 3% annuo ed offre numerose opportunità agli investitori stranieri: situato in posizione geografica strategica per la sua vicinanza all’Italia settentrionale, il Paese è una sede ideale dal punto di vista logistico; garantisce risorse umane qualificate e ad alta produttività a prezzi assolutamente competitivi; attrae investimenti diretti esteri grazie agli incentivi del Governo locale e riceve consistenti contributi dall’Unione Europea.

Si tratta, in sintesi, di uno Stato con ottime prospettive di sviluppo ed in cui l’Italia gode di notevole popolarità.

Ad oggi sono già molte le aziende italiane che hanno individuato nell’Ungheria un partner ottimale per la loro internazionalizzazione ed è nostra prerogativa favorirne le possibilità operative. Parimenti la CCIU, integrata nel sistema camerale italiano, costituisce la porta d’ingresso al mercato peninsulare per gli imprenditori magiari. I nostri soci possono, inoltre, accedere a numerosi servizi riservati ed avvalersi di un supporto concreto in tutte le fasi della vita commerciale della loro impresa.

Allo scopo, poi, di agevolare l’integrazione di esperienze ed opportunità d’affari, la Camera pianifica ed interviene in svariati tipi di eventi. In particolare, la CCIU, anche grazie alla propria flessibilità e presenza attiva sul territorio, partecipa a manifestazioni fieristiche di ogni dimensione, organizza delegazioni imprenditoriali per qualsiasi tipo di settore e si impegna costantemente in progetti a sostegno e tutela del Made in Italy.

La Camera di Commercio Italiana per l’Ungheria vanta inoltre un solido Codice Etico: accordo istituzionale volontario secondo cui i Soci si impegnano ad adottare, nelle diverse circostanze, elevati standard di comportamento.

Nelle sezioni successive potrete trovare ulteriori informazioni sul funzionamento e sull’organizzazione della Camera di Commercio Italiana per l’Ungheria.

I nostri Soci