L’Istituto Italiano di Cultura di Budapest ha ospitato lo scorso Martedì 26 settembre 2017 l’Assemblea Elettiva per il rinnovo degli Organi della Camera di Commercio Italiana per l’Ungheria (CCIU).

in ordine da destra: l’Ambasciatore S.E. Massimiliano Rustico, Ferdinando Martignago (Presidente uscente), Francesco Maria Mari (nuovo Presidente  CCIU)

L’importante appuntamento triennale si è aperto con i saluti (vedi il video) da parte di S.E. Massimo Rustico che ha elogiato la CCIU per il grande lavoro finora svolto ed ha apprezzato il rinnovato modello di comunicazione della CCIU. L’Ambasciatore guarda con fiducia al futuro della Camera, sicuro della sapiente collaborazione tra il Consiglio Direttivo uscente e quello entrante. E’ certo che la nuova Direzione svilupperà fortemente i servizi della CCIU.

A seguire l’intervento (vedi il video) del Direttore dell’ICE ITA, Marco Bulf che ha calorosamente salutato i due anni di intensa collaborazione tra la CCIU e l’ICE ITA, concretizzate nella comune promozione del Made in Italy a partire dalla Settimana Mondiale della Cucina, fino agli eventi dell’Italian Business Day e Business Forum di Milano.

Interviene poi il Direttore dell’Istituto Italiano di Cultura di Budapest, Prof. Gian Luca Borghese, entusiasta della partecipazione all’Assemblea e dell’evidente miglioramento di relazioni tra la CCIU e l’IIC (vedi il video). Egli ha proseguito sottolineando l’importanza dell’esistenza di uno stretto legame tra economia e cultura, così come espresso chiaramente nella strategia CCIU, concludendo dichiarandosi molto soddisfatto della forte proattività all’interno del Sistema Italia. Il supporto della CCIU è stato fondamentale per l’IIC proprio per la sua capillarità, di cui ha dato dimostrazione nel corso dell’Italian Business Day, conclusosi con il coinvolgimento del Teatro Csokonai di Debrecen.

 

Marco Bulf (Direttore ICE)

Il Presidente uscente dalla CCIU, Ferdinando Martignago, ha svolto l’ultimo intervento (vedi il video), sottolineando le difficili condizioni in cui versava la CCIU quando ha ricevuto l’incarico: come quarto Presidente eletto in un anno, ha rivestito l’arduo compito affrontando e superando parecchie problematiche interne ed esterne alla struttura, quali la ricostruzione della credibilità camerale, l’ampliamento della base sociale, la creazione di Punti di Assistenza Territoriale (P.A.T.) e di poli di interesse dei soci, le necessarie modifiche statutarie.

Le difficoltà sono state superate grazie alla grande determinazione e alle numerose iniziative: business lunch, interessanti workshop, accordi con decine di università italiane ed ungheresi in funzione di opportunità di tirocinio presso la Camera grazie a progetti internazionali come l’Erasmus + e il Key Action 1.

Di peculiare importanza sono stati certamente il rinnovo del sito internet e la creazione di strumenti per le imprese (il Bandometro per l’aggiornamento sui bandi europei ed ungheresi, ad esempio), la creazione di un libro di procedure interno alla Camera per il trasferimento delle conoscenze, fino alla promozione di iniziative al di fuori della capitale ungherese.

 

in ordine da sinistra: Ferdinando Martignago (Presidente uscente CCIU), Sólyom Gabór Oszkár, Gian Luca Borghese (Direttore dell’Istituto Italiano di Cultura)

 

                                                              Marco Peruzzo

Alleva Francesco – avvocato che opera a Roma, Bologna, Budapest. Egli desidera un Sistema Italia unito ed è attento alle esigenze dei soci (grazie alla esperienza italiana come P.A.T. Emilia-Romagna): l’avviamento dei soci, la conoscenza dei potenziali partner, la necessità di creare punti d’incontro B2B, la necessità di risoluzione di problemi pratico-quotidiani (servizi che servono alle aziende italiane che giungono in Ungheria per la prima volta, o anche servizi a livello arbitrale e camerale).

Balli Alessandro – membro del precedente Consiglio Direttivo, imprenditore molto conosciuto e presente in Ungheria già dal 1985, ex  commercialista. Vorrebbe sviluppare i  servizi resi dalla CCIU alle imprese italiane.

Bettini Andrea –  imprenditore di successo in Italia nel campo dell’applicazione informatica ha diversificato le proprie attività investendo in un’azienda che  produce mozzarella di bufala. Ha come obiettivi la coesione e la visibilità della CCIU.

Donazzan Stefano – membro del precedente Consiglio Direttivo, rappresentante del P.A.T. di Nagykanizsa, imprenditore in Italia e in Ungheria, si pone l’obiettivo di migliorare la CCIU tramite la sua rete di conoscenze acquisita in territorio magiaro, sul quale opera dal 1999.

Fava Renato – membro del precedente Consiglio Direttivo, attuale Tesoriere, si pone come obiettivo primario quello di migliorare i servizi offerti dalla CCIU e di poter concludere i progetti ancora aperti essendo una sua caratteristica quella di portare a termine ciò che inizia.

                                                                              Francesco Mari

Giraudo Tiziano – Amministratore Delegato di Ferrero e membro del precedente Consiglio Direttivo, vorrebbe essere parte attiva del grande rinnovamento camerale in corso.

Horváth Dénes – Direttore del Settore Mediazione presso S. Horváth Law and Mediation Office desidera contribuire alla realizzazione di un nuovo servizio di mediazione e di una camera arbitrale che auspica venga presto offerto dalla CCIU.

Liuni Luca – Vicepresidente del Comitato Piccola Industria di Confindustria Firenze e Direttore Commerciale e Direttore Finanziario di APICE Srl., azienda leader nel settore “Verifiche Periodiche su attrezzature di lavoro”.

Mari Francesco Maria – Segretario Generale uscente intende portare avanti la strategia iniziata: forte collaborazione con Sistema Italia, aumento del numero dei soci, capillarità della presenza della CCIU in Ungheria e Italia, realizzazione di servizi utili alla piccola e media impresa. In poche parole: “Insieme per crescere”.

 

Marzsin Ilona – proprietaria della società di gestione immobiliare e molto interessata allo sviluppo di questo settore nella CCIU.

Peruzzo Marco – fondatore e titolare di Central European Services Kft., dottore in Statistica ed Economia Aziendale che vuole contribuire e sviluppare l’efficienza organizzativa, il sito web e l’offerta di nuovi servizi ai soci, grazie alla promozione di “Buda my Business” e alla consulenza per i soci di gestione dei social network.

Piccarozzi Luigi (vedi il video) – avvocato tributarista e titolare dello Studio Legale Piccarozzi, prende spunto dalle parole di Pio VII “Non possiamo, non vogliamo, non dobbiamo” contro la venuta di Napoleone a Roma per capovolgerle ed affermare il proprio concetto di team: ”Possiamo, vogliamo, dobbiamo”.  Oltre alle proprie competenze legali intende offrire il massimo supporto alla crescita della CCIU.

Si è svolta poi la presentazione dei candidati al Collegio dei Sindaci che hanno così espresso le proprie intenzioni:

                                                                    Dalma Dudás-Gattoni

Dudás-Gattoni Dalma (vedi il video) – membro del precedente Collegio dei Sindaci, legale di Réti, Antall & Partners Law Firm, crede fermamente nel lavoro dietro le quinte, tacito e silente, che sarà lieta di portare avanti.

Francescut Fabrizio – non presente, titolare di un importante studio commerciale a Saronno e con grande esperienza con numerosi clienti in Ungheria.

Giannotti Gina – membro del precedente Collegio dei Sindaci, molto conosciuta e apprezzata dal Sistema Italia e dall’intera comunità italiana per essere stata Direttore Generale dell’Istituto Italiano di Cultura. Intende di tenere i contatti con l’Ungheria e contribuire allo sviluppo della CCIU in questo nuovo ruolo.

Sólyom Gábor Oszkár (vedi il video) – fondatore della CCIU che 30 anni fa ha sognato di poter migliorare la CCIU e di poter dare dei consigli pratici. Ha svolto diverse consulenze di successo in CCIU. Ha aiutato a creare più di 20 società italo-ungheresi ed è per questo divenuto ufficiale della Repubblica Italiana.

Terminate le presentazioni, sono cominciate le votazioni a scrutinio segreto per l’elezione del Presidente del Consiglio Direttivo.

I risultati dopo la votazione sono i seguenti:

Il nuovo Consiglio Direttivo è composto da: Alleva Francesco, Balli Alessandro, Bettini Andrea, Donazzan Stefano, Fava Renato, Giraudo Tiziano, Liuni Luca, Mari Francesco Maria, Martignago Ferdinando, Peruzzo Marco, Piccarozzi Luigi.

Primi non eletti: Marzsin Ilona, Horváth Dénes

 Il nuovo Collegio dei Sindaci, invece, è composto da: Dudás-Gattoni Dalma, Giannotti Gina, Sólyom Gábor Oszkár.

Primi non eletti: Francescut Fabrizio

L’Assemblea si è chiusa con l’augurio di buon lavoro a tutti.